logorepubblica1

Viva la poesia! Matteo Angelo Lauria primo classificato al concorso letterario “Per troppa vita che ho nel sangue”

premio poesia“Per troppa vita che ho nel sangue: Antonia Pozzi – vertigine e malinconia di una grande poetessa”: questo il titolo del concorso letterario internazionale a cui ha preso parte uno studente della II A del nostro liceo classico, Matteo Angelo Lauria, aggiudicandosi con determinazione ed emozione il primo posto della categoria giovani UNDER 18. Tanti i partecipanti e i finalisti presenti alla cerimonia di premiazione: autori argentini, svizzeri, greci, bosniaci e macedoni, per non dimenticare Emir Sokolovic, poeta conosciuto e molto apprezzato in Bosnia-Erzegovina.


Un concorso dedicato alla malinconia e al vero senso della vita, con un particolare riferimento ad Antonia Pozzi, nota poetessa del Milanese. Una poesia, quella di Matteo, che si allaccia e riprende perfettamente l’essenza e lo spirito di questo concorso; nella poesia, intitolata “Soffio di Vita”, vengono infatti affrontate tematiche e sentimenti, come il dolore e la solitudine, vissuti da un ragazzo di 15 anni. Premiazione svoltasi sabato 3 giugno ad Arese, in provincia di Milano, alla presenza di un’attenta giuria formata da scrittori, poeti e critici letterari.
Complimenti, con l’augurio che questo sia uno dei tanti successi e, forse, una delle tante poesie!

SOFFIO DI VITA

Una vita trascorsa nella solitudine,

passato di un’eterna incertezza

in cui l’uomo vaga smarrito,

solo nella propria ignoranza

e spogliato di ogni capacità.

Una vita pervasa dall’amarezza

e dal dolore,

intrisa di un amore malato

e posseduta da sentimenti contorti.

Flebile bagliore di una felicità

dimenticata ed illusa

dallo scorrere inesorabile

di questo tormentato tempo.

                          Matteo Angelo Lauria